Le cuffie sono oggetti di uso quotidiano, sempre più presenti nella nostra vita: ma da un po’ di tempo in qua le cuffie Bluetooth stanno prendendo sempre più piede rispetto alle cuffie con filo.  Ogni dispositivo elettronico che utilizziamo per vedere film, ascoltare musica o navigare in internet, può essere collegato ad una cuffia per isolarci dal mondo esterno.

Proviamo a pensare all’uso degli smartphone, ai computer, ai portatili, ai dispositivi di gioco, alle radio e alle televisioni: ognuno di essi può essere fruito anche grazie alla presenza di una cuffia.

Perché usare una cuffia Bluetooth e non una una cuffia con cavi? Per avere un’esperienza esclusiva della musica, del gioco o della televisione, per non disturbare gli altri o lavorare in tranquillità e farlo nella massima libertà di movimento.

E quindi come abbiamo accennato, ci sono cuffie per il gaming in generale e nello specifico per Xbox o Playstation, ci sono cuffie da Tv, cuffie Usb, ma anche cuffie professionali da studio di registrazione, cuffie antirumore, da DJ o cuffie sportive.

Ognuno di questi modelli ha specifiche caratteristiche, che cambiano in base al prezzo e al brand di fabbricazione, ma senza dubbio la differenza maggiore è l’essere collegate a dei cavi o meno. Scopriamo allora le principali differenze, gli utilizzi e i prezzi di entrambe le tipologie.

Principali differenze tra cuffie con filo e cuffie Bluetooth

Le cuffie con filo e le cuffie Bluetooth sono entrambe tipologie di cuffie per ascoltare musica, giocare o lavorare, ma hanno differenti mercati e differenti caratteristiche. Senza dubbio le cuffie Bluetooth garantisco una libertà inimmaginabile rispetto a quelle con il cavo.  Vediamo insieme quali sono le maggiori diversità, per darvi in seguito la possibilità di capire qual è la cuffia più adatta alle vostre esigenze:

  • La portata. La differenza è più che ovvia: le cuffie con i cavi hanno la portata della lunghezza del filo, mentre con le cuffie Bluetooth ci si può allontanare in media fino ad una decina di metri dall’oggetto che sta trasmettendo i dati.
  • Peso: in generale i modelli Bluetooth pesano un po’ di più dei modelli con filo, perché devono avere una batteria inclusa che le seconde non hanno. Ma stiamo parlando di differenze non eccessive: a meno che la Bluetooth non sia antirumore, allora il peso aumenterà ancora di più. Invece i materiali possono essere gli stessi sia con le cuffie senza fili che con quelle con fili.
  • La potenza. Anche in questo caso c’è una certa differenza, perché le cuffie con i cavi hanno il voltaggio classico di una casa che è 230, mentre le cuffie Bluetooth hanno al massimo 6 volt. Il che non toglie che regalino lo stesso ottime performance.
  • Prezzo: ovviamente ci sono prezzi differenti, ma affronteremo l’argomento nel paragrafo “Differenze di prezzo”.
  • Batteria: la differenza è sostanziale. Le cuffie Bluetooth ce l’hanno e quelle con i cavi no. Dovete quindi ricordarvi di caricarle, mentre le altre vanno indossate e basta. Spesso però le cuffie Bluetooth possono essere usate con un apposito cavo quando sono scariche: mentre le cuffie coi cavi funzionano solo se i cavi sono collegati.
  • La libertà: ci sono situazioni in cui potete usare una cuffia Bluetooth ma non una con i cavi. Se state ballando con la vostra Xbox, è difficile usare una cuffia con i cavi. Se state correndo, sarà più complicato usare una cuffia con i cavi: insomma la massima esperienza di libertà ve la regalano le cuffie Bluetooth.

Cuffie Bluetooth e cuffie con cavi: la qualità del suono è differente?

Ricordiamo velocemente quali sono le caratteristiche di base di una buona cuffia: e parliamo di una buona risposta in frequenza, che va da 18 Hz ai 22 000 Hz, di una linearità di frequenza che sia la più bassa possibile, di sensibilità il cui valore medio è tra i 95 db ed i 109 dB. Infine c’è l’impedenza, si misura in ohm e va da 8 a 600 massimo.

Ora veniamo alla domanda da un milione di dollari: ma la qualità del suono è differente? In realtà in parte sì. O almeno è quanto affermano gli esperti del ramo. Le motivazioni sono alcuni limiti tecnologici che però si stanno superando. Ad esempio c’è il problema della tensione: essendo quella delle cuffie Bluetooth al massimo di 6 volt, è difficile concorrere con la tensione di una cassa e quindi la potenza erogata è minore. I trasduttori molto efficienti, per avere una frequenza buona devono essere costruiti con materiali più costosi. Però le cuffie Bluetooth vantano ad esempio, a differenza delle wireless, maggiore stabilità del segnale, assenza di interferenze

La somma di tutto questo è, alla fine della fiera, un aumento del prezzo. Più si sale di livello nel prezzo, e più si hanno cuffie con esperienze sonore davvero elevante, con poca o nessuna differenza rispetto a quelle con i cavi.

C’è però da aggiungere una riflessione: la tecnologia corre ad una tale velocità, che nel giro di pochissimo tempo le differenze (quelle negative) si sono praticamente annullate, lasciando invece tutti i vantaggi, primo fra tutti quello della libertà.

Differenze di prezzo tra cuffie Bluetooth e cuffie con cavi

Abbiamo già accennato che una delle differenze tra cuffie Bluetooth e cuffie con cavi potrebbe essere il prezzo. Ampliamo però la portata del nostro ragionamento. In entrambe le categorie, ci sono tantissimi range di prezzo, a partire da 20-40 euro, fino ad oggetti professionali che arrivano a costare oltre 500-600 euro.

È ovvio che in entrambi i casi, più si spende, e più ci si porterà a casa una cuffia di qualità.

La spesa per un dispositivo cablato è inferiore, come abbiamo già avuto modo di dire e ha comunque una resa dignitosa, mentre se si vuole spendere davvero poco per una cuffia Bluetooth, ci si potrebbe ritrovare con un oggetto dalla sensibilità non elevatissima.

Eppure esistono ormai sul mercato cuffie Bluetooth dalle qualità davvero alte, a prezzi non così irraggiungibili, e che vi regaleranno un’esperienza che nessuna cuffia con cavi potrà mai darvi: la stupenda, assoluta e totale libertà di movimento.

ultima modifica: 2015-12-04T17:48:22+00:00 da Davide