Differenza tra cuffie bluetooth e wireless

Cuffie Bluetooth: come funzionano?

Le cuffie Bluetooth si basano sulla tecnologia omonima in virtù della quale si ha la possibilità di collegare, attraverso delle onde radio, due dispositivi che si trovano a una distanza relativamente breve: in sostanza, le cuffie possono essere connesse con un televisore, ma anche con una console di gioco, con un lettore MP3, con un impianto home theatre o con qualsiasi altro dispositivo dotato di Bluetooth, e consentire non solo di ascoltare la musica, ma anche per esempio di ricevere telefonate (nel caso in cui, ovviamente, siano accoppiate con un telefono cellulare).
Il funzionamento delle cuffie Bluetooth è ottimale tenendo i dispositivi a una distanza non superiore ai dieci metri: in effetti il raggio di copertura del segnale presuppone che la sorgente non si trovi troppo lontana.
La connessione Bluetooth, nel caso delle cuffie, offre diversi vantaggi: non solo perché non si ha a che fare con fili o con cavi che potrebbero risultare fastidiosi, ma anche perché il segnale è meno soggetto a interferenze rispetto a quello che accade, per esempio, quando si è alle prese con un segnale in radiofrequenza.
Non è detto, comunque, che le cuffie Bluetooth siano sempre e comunque senza fili: in caso di necessità, infatti, è possibile collegarle anche via cavo. Chi è interessato a conoscere le cuffie Bluetooth e come funzionano, inoltre, deve sapere che la tecnologia è molto rapida e in continua evoluzione: tanto più recente è la versione del Bluetooth di cui si può usufruire, quanto più elevate sono le prestazioni.
Le cuffie Bluetooth sono dotate non solo dei comandi che permettono di passare da una traccia all’altra e di regolare il volume, ma anche di un microfono, tramite cui è possibile chiamare e rispondere alle telefonate una volta effettuata la connessione con uno smartphone. Il tutto potendo sempre beneficiare di una qualità audio più che ottimale.

Cuffie Wireless: come funzionano?

Se si è interessati a scoprire le cuffie Wireless e come funzionano, d’altro canto, è bene sapere che la loro portata varia a seconda del sistema che viene adoperato per la trasmissione del segnale audio.
In linea di massima le cuffie Wireless meno costose, e quindi più convenienti dal punto di vista economico, sono quelle che si basano su un sistema a infrarossi, che a fronte di una qualità audio pressoché perfetta, si caratterizzano per una portata piuttosto ridotta.
Molto più efficienti sono, invece, le cuffie Wireless a radiofrequenza. Note anche come cuffie cordless, le cuffie senza fili si basano su un trasmettitore che deve essere collegato all’uscita audio del dispositivo da cui provengono i suoni (per esempio, un televisore), il cui compito è come si può intuire dal nome, proprio quello di trasformare in un segnale infrarosso o in un segnale radio (a seconda della tipologia di cuffie) il segnale elettrico.
Per il segnale infrarosso, che è modulato in ampiezza, la trasmissione fa riferimento ai Led: tanto più sono numerosi, quanto più è elevata la qualità del suono, il che vuol dire che il segnale viene ricevuto meglio. Per le onde radio, invece, le cuffie devono essere munite di un’antenna.

Differenza tra le cuffie Bluetooth e Wireless

A questo punto, vale la pena di puntualizzare e mettere in evidenza la differenza tra cuffie Bluetooth e Wireless.
Le prime, come detto, si caratterizzano per una portata piuttosto limitata e comprimono la qualità dell’audio, ma non hanno bisogno di ricevitori esterni per poter essere connesse ai dispositivi, che si tratti di uno smartphone, di un computer, di un televisore, e così via: è fondamentale, d’altro canto, che i dispositivi stessi supportino la tecnologia Bluetooth. Un altro elemento che è bene mettere in evidenza, a proposito delle cuffie Bluetooth, è che permettono di rispondere alle chiamate, nel caso in cui siano dotate di microfono, e di controllare la riproduzione multimediale del device; in più, sono in grado di interfacciarsi e di interagire con gli altri dispositivi attraverso la tecnologia di accoppiamento NFC. NFC acronimo di “Near Field Communication”, espressione che potrebbe essere tradotta come “comunicazione in prossimità”, garantisce proprio la connettività Wireless in tutte e due le direzioni.
La differenza tra cuffie Bluetooth e Wireless più evidente, in sostanza, è che le seconde richiedono un trasmettitore, a differenza delle prime: le cuffie Wireless che si basano sulle onde radio, per esempio, riescono a trasmettere e a ricevere i segnali tramite un’antenna ricevente installata o, in alternativa, tramite un ricevitore che bisogna sempre portare con sé; le cuffie Wireless che si basano sugli infrarossi, invece, riescono a trasmettere e a ricevere grazie ai Led (da un minimo di quattro a un massimo di dieci nel caso della trasmissione, da un minimo di due nel caso della ricezione), che sono montati sulle cuffie stesse e che sono connessi a un circuito elettrico.
Il Bluetooth, in linea di massima, garantisce una maggiore indipendenza, mentre non ci sono differenze di rilievo dal punto di vista del peso, delle dimensioni e del design.

ultima modifica: 2016-09-27T16:06:49+00:00 da Davide